We have 244 guests online
22
Aug 11
Last Updated on September 26 2011

Storia

I primi abitanti e il primo re, secondo la tradizione, fu Inopio, il figlio di Dioniso o Tisseo e e Arianna, che vennero da Creta e insegnarono alla gente locale come coltivare il vino. Il nome di Chios deriva da Chiona, che fu la figlia di Inopio. Secondo gli Ioni, comunque, il nome proviene da Hios, il figlio di Nettuno, alla cui nascita, troppa neve (hioni) cadde sull'isola.

Secondo una terza ipotesi dello storico Isidoro, il nome proviene dal fenicio e, in siriano, significa "mastice".
L'isola in quei tempi veniva chiamata anche con altri nomi che son però stati persi nel tempo, come per esempio Pitiussa (per via dei pini), Makris per via della forma (makri = long), Aethalea (per via del vulcano) e Ofiussa (poiché abitata da molti serpenti = ofis)
Scoperte archeologiche (in Ag. Galas e Emporios) provano che l'isola è stata abitata fin dal 6.000 A.C.

Per quel che riguarda la città di Chios ci sono testimonianze precedenti la prima colonizzazione ionica quando gli Ioni dalla penisola ellenica si stabilirono a Chion intorno al 1000 A.C. e lì svilupparono una delle più belle città dell'antichità. Chios era una delle 12 città stati sul continente dell'Asia Minore e di alcune isole situate vicino membri della Confederazione Ionia, conosciuta anche come Panionian Dodecapoli.

Non solo il trasporto di beni da un luogo all'altro fu la fonte di profitto dei Chiosesi, ma anche il commercio dei proprio prodotti agricoli e industriali. Il loro raro mastice non fu la loro unica fonte di guadagno.

Nel 6to secolo dC Chios era già una grande città, la cui popolazione era stimati intorno ai 60000 - 80000 abitanti esclusi gli schiavi.
Quando Chios divenne membo dell'alleanza atenea, fu libera e autogovernata.

Fino alla Guerra del Peloponneso, ci fu un periodo di cinque anni di pace e crescita. La città distrutta fu ricostruita e gli abitanti progredirono in flotta, commercio, si concentrarono sull'isola che risultò estremamente lussuosa.

Gli Ateniesi citarono che i Chiosesi furono famosi per l'ingegnosità in cucina e per i cuochi chiosesi che furono molto ricercati. Thoukidides caratterizzarono i Chiosesi come i "Grechi più ricchi" ed elogiarono lo stato delle loro città.

Incominciò la guerra del Peloponneso, durante la quale i Chiosesi combatterono in principio a fianco agli Ateniesi. Dopo la loro sconfitta in Sicilia, però decisero di dare il loro supporto a Sparta. Gli Spartani imposero "dekarnia" (dieci tiranni) e la regola generale, e in questo modo Chios conobbe nuovamente la sottomissione a tirannia e violenza. Persero tutte le loro navi, che divennero spartane. I Chiosesi si pentirono di aver abbandonato gli Ateniesi molto amaramente.

Nell'era ellenistica, il famoso storico di Chio, Theopompos, acompagnia Alessandro Magno a suo inseguimento e registra tutti i fatti importanti per i posteri.

In epoca romana Chio di nuovo sofferto per la sua ricchezza e accessibilità era troppo grande la tentazione, anche se alcuni imperatori romani, in particolare Tiberio, hanno aiutato gli isolani, poco prima della nascita di Cristo, quando subì un terremoto. Durante il periodo bizantino Chios recuperato il suo potere commerciale, grazie alla sua flotta. I bizantini hanno fatto del loro meglio per difendere Chios contro gli invasori dal Oriente e Occidente, ma alla fine l'hanno perso per veneziani e poi a genovesi che detenevano saldamente l'isola fino al 1566. Il famoso esploratore, Cristoforo Colombo, è venuto a Chios e rimase per due anni.

Il declino finanziario della Grecia dalla fine del 7o secolo fino al 10o influenzò anche Chios. In seguito la situazione cominciò a migliorare. L'occupazione Genovese nel 1346 segnò l'inizio di una nuova era.

Dal 1566 nuovi occupanti, i Turchi, presero il posto dei Genovesi. L'occupazione turca durò 350 anni (1566 -1912). Nel 1821, iniziò la rivoluzione contro l'Impero Ottomano da parte della Grecia.

Dopo 400 anni di schiavitù nella propria terra, i Greci si resero pronti e combatterono per la loro indipendenza.
In quel periodo Chios non prese parte agli eventi. Furono un popolo pacifico e dedicarono la loro vita alla coltivazione del MASTICE. Questo prodotto fu in gran parte venduto al Sultano e poiché queste persone offrirono di più rispetto al resto della Grecia, la loro schiavitù fu più lieve.
Senza curarsi di questi privilegi, gli abitanti di Chios rimasero orgogliosi e si ribellarono contro l'Impero Ottomano.

Nel Marzo 1822, Likourgos Logothetis da Samos, condusse il suo esercito di 2500 uomini e conquistò la guarnigione Turca.

Quando il sultano venne a conoscenza dei fatti, ordinò al suo comandante Kara-Ali e alla sua flotta di invadere Chios al fine di punire gli abitanti.
Kara-Ali sbarcò 7000 soldati e massacrò molti degli abitanti dell'isola. Nno solo gli abitanti di Chios soffrirono le conseguenze dell'armata barbara di Kara-Ali ma subirono anche la punizione brutale dell'esercito ottomano che attaccò dall'Asia Minore.

A breve la catastrofe colpì tutta la bellissima isola egea e tutti gli abitanti furono trucidati o fatti prigionieri e venduti come schiavi.
Di 100000 Greci, solo 40000 riuscirono a fuggire nelle isole vicine o sulle montagne. Coloro che si rifugiarono sulle montagne presto furono obbligati a lasciare l'isola. Entro la fine di Agosto la popolazione di Chios contava solamente 3000 persone.

La notizia del massacro barbaro raggiunse il resto della Grecia e i paesi vicinanti molto rapidamente. Solo in quel momento le altre nazioni nel mondo capirono l'importanza e il motivo per cui la Grecia volesse essere autonoma dall'Impero Ottomano.

Dal momento che i Greci non furono in grado di fermare la distruzione dell'isola di Chios da parte di Kara-Ali, decisero di vendicarsi. A guidare la missione punitiva fu il coraggioso Constandinos Kanaris, comandante navale, originario di Psara.

La flotta nemica, rimase ancorata al porto anche dopo aver distrutto interamente l'isola di Chios. La distruzione di Chios coincidette con le celebrazioni per le festività musulmane. I comandanti ottomani e i loro marinai rimasero nelle loro navi per l'inizio delle celebrazioni.
In più il disastroso terremoto del 1881 distrusse ogni cosa rimasta.

Il 4 Giugno 1882, Kanaris insieme ad un altro comandande e la sua nave, Pipino, partirono dall'isola di Psara con le loro navi incendiarie.
Karani circondo la flotta di Kara-Ali e Pipino si occupò della flotta inferiore. Dopo aver incendiato le navi e si dirissero a riva a bordo di piccole scialuppe di emergenza. Le navi nemiche però notarono la flotta di Pipino e arrivarono in tempo a spegnere il fuoco.

Comunque, la flotta di Kanaris fu in fiamme e subito le navi nemiche presero fuoco a loro volta ed esplosero come fuochi artificiali in cielo. Questa vittoria costò 1600 vite. Questa incoraggiante vittoria diede forza ai Greci di combattere per la loro indipendenza, e da allora in poi tutte le battaglie furono combattute con zelo e voglia di libertà.

Al tempo della battaglia nei Balcani l' 11 Novembre 1912 Chios fu finalmente libera e connessa al resto delle città Greche. Chios fu nuovamente occupata al 4 Maggio 1941 quando i Tedeschi ne entrarono in possesso.

L'occupazione tedesca finì il 10 Settembre 1944 e durante questo periodo i Chiosesi resistettero eroicamente.