We have 99 guests online
22
Aug 11
Last Updated on September 22 2011

Frutta

Gli agrumi sono una delle più caratteristiche produzioni di Chios, e quindi la ragione per cui l'isola è chiamata "myrovolos" (fragrante); dal momento che arriverete sull'isola, l'aroma degli orti di arance e mandarini vi darà il benvenuto tra i campi di foglie verdi presenti in tutta l'isola.

Durante gli anni, i coltivatori hanno imparato da importanti perdite, e oggi le arance possono essere viste crescere in terreni circondati da lati muri in pietra che le proteggono dal vento e dal freddo, a cui son molto sensibili. Anche, piccoli fuochi vengono accesi tra gli alberi per dar loro calore aggiuntivo, e le foglie sugli alberi formano uno strato naturale che le mantiene calde.

A Novembre inizia la raccolta dei mandarini, che finisce con l'inizio di quella delle arance a Dicembre. Poi i frutti sono raccolti uno ad uno e messi in scatole, che i coltivatori venderanno o porteranno all' Associazione Agricola di Chios per i Coltivatori di Agrumi o ad altre manifatture più piccole. Curiosamente, questo commercio è sempre stato fatto a stima, fino all'occupazione tedesca, quando incominciarono ad utilizzare sistemi per misurarne il peso.

In passato, gli agrumi di Chios erano esportati a Costantinopoli (Istanbul), al Mar Nero, a Smirne, in Egitto e ad Oriente. Dal 1930, non appena l'Associazione apparve, i Chiosesi esportarono anche nei paesi dell'Europa Orientale. Oggi i mandarini di Chios sono unici e sono considerati di una diverso tipo, anche se venduti come "mandarini di Chios". Le arance, invece, sono consumate come frutti, ma sono anche utilizzate per produrre succo e bevande nelle varie industrie, o per fare in casa dolci e oli essenziali.

Comunque, la coltivazione delle piante di agrumi non è sempre stata la principale attività nell'isola. Questa nuova forma di commercio fu importata dai Genovesi durante la loro occupazione tra il 1348 e il 1566 dato il ricco suolo dell'isola. I primi alberi di arance furono importati direttamente dall'Italia, sebbene i Chiosesi ne importarono anche dall'Africa e una famiglia Chiosese di Horemi iniziò a importare mandarini dall'India intorno al 1860 - 1862. Una delle prime regioni ad essere coltivata fu Kampos, dove i depositi d'acqua favorirono la coltivazione delle "Mele Dorate di Esperides", come gli antichi greci usavano chiamare le arance.