We have 131 guests online
22
Aug 11
Last Updated on November 27 2012

Museo Korais

Localizzazione

Il Museo del Folklore e la galleria d'arte si trovano nella Biblioteca Korais e consiste principalmente di donazioni dalla collezione di Philip P. Argenti.Nel 1932 egli fondò la "Società Argenti" al fine di conservare il matriale storico e folkloristico di Chios. Nel 1937  venne istituito nell'edificio delle scuole superiori di Chios un museo etnologico e la sua collezione fu presto arricchita con nuove donazioni. Egli aggiunse in seguito un'altro piano all'edificio della biblioteca per poterci mettere i suoi libri, la collezione storica di dipinti e stampe, e  la collezione folkloristica che egli aveva donato, che oggi costituiscono la Collezione Folkloristica e Storica, e la sezione delle Immagini Topografiche di Chios. Queste nuove stanze vennero inaugurate nel 1962 in occasione dell'anniversario dei 50 anni di liberazione di Chios. Dopo la morte di Philip Argenti nel 1974, suo figlio Pantelis donò altri libri, pitture e esposizioni folkloristiche. Costruì inoltre una nuova ala e rinnovò l'edificio alla forma attuale.

Le pitture nel corridoio d'entrata, intorno alle scale e sotto il corridoio del secondo piano sono tutte relative alla storia di Chios. Nell'entrata ci sono anche alcune foto storiche e topografiche di Chios che illustrano come l'isola fosse tra il XIV e il XIX secolo; alcune son incisioni, altre acquerelli o dipinti ad olio. Nel seminterrato si ergono le statue dei donatori della biblioteca, A Korais e P. Argenti, gli stemmi delle grandi famiglie di Chios, manoscritti personali di Korais e altri affetti personali, medaglie, fossili, ecc. Al secondo piano ci sono le sale A, B, C, D e E le ultime due ricavate dalla collezione folkloristica.

Sala A

Le rappresentazioni principali nelle pitture dell'ingresso della Sala A sono eventi storici. Alcune tra più interessanti sono quattro incisioni in rame ad opera del francese R. Paton, rappresentanti la battaglia navale dell'ammiraglio russo Orlof contro i turchi a Cesme (Smirne) nel 1770. Le altre figure sono dipinti ad olio e incisioni in rame raffiguranti alcune battaglie navali contro pirati nel 18 e 19 secolo. I dipinti raffiguranti la città di Chios sono stati ,essi sopra le porte che conducono alle sale B e D. Sui muri del corridoio sono affissi sei dipinti che mostrano il Massacro di Chios del 1822, alcuni dipinti ad olio e una litografia genuina di Delacroix.

Sala B

Le opere più importanti in espozione nella Sala B sono ritratti e busti. I ritratti sono di membri di alcune grandi famiglie di Chios, e i migliori sono quelli di Jenny Skilitsi (1853), Alexandra Mavrokordatu - Skilitsi (1872), Amvrosios Argentu (1861), Vieru Argenti (1861), Julia Ralli - Argenti (1890), Maria Jiulia Argenti (1877) e Pantelis Argenti (1879). I busti in marmo sono di Maruko Argenti e Maria Julia Argenti, quelli in bronzo dei figli di P. Argenti e di Michalis Mavrokordatos, e le miniature in avorio raffigurano gli altri membri della famiglia. A parte ciò, ci sono anche medaglie, monete molto interessanti, e oggetti personali della famiglia Argenti. Tra questi, ci sono oggetti come una spada, lacci cristiani, miniature in cornici di porcellana, e un Vangelo coperto di avorio.

Sala C

Nella sala C si trova la parte dei costumi della tradizione Chiosese. I dipinti in esposizione illustrano principalmente i vestiti degli abitanti tra il 16 e il 20 secolo in tutta l'isola. Mentre molti sono lavori provenienti da turisti, gli ultimi  furono creati da pittori su ordine di Ph. Argenti dopo che raccolse informazioni riguardo la gente locale. A fianco, tre mostre espongono modelli in porcellana dei vestiti illustrati nei dipinti precendenti, una collezione unica dal momento che le matrici furono distrutte dopo aver realizzato questi pezzi.

Sale D&E

Le sale D e E della collezione Argenti mostrano opere di arte folkloristica locale e oggetti inerenti  i quattro soggetti seguenti: ricamo, tessuti, vestiti e intarsi. I lavori di ricamo sono presi da vestiti e decorazioni di case dell'inizio del 20 secolo. I tessuti sono principalmente nastri degli anni 30, anche presi da vestiti e decorazioni. La parte dei vestiti è interessante, dal momento che Chios produsse una grande varietà  di vestiti tradizionali. Per finire, gli intarsi ci mostrano principalmente argomenti pastorali.

Orario di Apertura:

Tutti i giorni - 08.00 - 14.00
Venerdi 17.00 - 20.30 (oltre all'orario normale)
Sabato 08.00 - 12.30

Per maggiori informazioni visita: www.koraeslibrary.gr